Questo sito utilizza cookie necessari al suo funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

 

INTR10
un'idea di: Marco Salicini

 

 new 1

L'ho detto spontaneamente Lunedì sera, alla preview dell'aperitivo del Giovedì targato Emporio Armani, pronto a decollare in concomitanza con la Design & Cocktail Week per tutta la stagione invernale : "In questo momento di innumerevoli aperture, un locale come Armani mancava davvero".
 
Ci troviamo in Galleria Cavour, contornati da un contesto elegante, griffato e appariscente dove da alcuni mesi, dopo Milano, Armani ha scelto Bologna come seconda tappa italiana per lanciare il suo bar - cocktail - restaurant. Lo stile è impeccabile e raffinato ma tutt'altro che inarrivabile (suvvia con i pregiudizi) ma bensì accogliente, ammirevole e confortevole, privilegiato dallo scorcio a vista con via de foscherari, un chiaro invito di sosta e convivialità, giungendo sempre più incontro agli inevitabili e uggiosissimi pomeriggi post lavorativi della Bologna invernale. 
 
I locali di Armani hanno una linea guida chiara, tonda e marcata, dove regna sovrano l'equilibrio, l'ordine e l'aplomb degli ingredienti, sia in cucina che nel beverage, forniti da un servizio altamente professionale ma altrettanto cordiale e ricco di talento, perché dietro all'imponente brand e più generalmente nella sua irripetibile carriera imprenditoriale, Giorgio Armani ama lavorare e circondarsi di talenti.
 
L'aperitivo del Giovedì indosserà vesti lounge, con un dj set di contorno mondano ma pacato. La lista dei cocktail ha appeal :  immancabili i grandi classici (dal Manhattan, al Tom Collins, Negroni, Margarita, Cosmopolitan e non solo) a cui si affianca un'apposita e accurata drink list riproposta in tutti gli altri Armani Cafè (come l'Olimpia 1936 con vodka, sciroppo di limone, succo di pompelmo e succo di limone, piuttosto che l'Emporio Spritz personalizzato con succo di pompelo e gassosa). 
 
aperitivo          finger food
 
Siamo presenti però per degustare una selezione di tipicità studiata dal bartender. La proposta è gentile e conveniente, con 12 euro è possibile sorseggiare il proprio drink in compagnia di una freschissima mise en bouche di finger food ( sempre freschi e sempre nuovi), sgranocchiando mandorle tostate, patatine e olive verdi. Da sinistra verso destra, la capreseuna presenza doverosa a quel richiamo salutista e mediterraneo osannato dal re della moda a cui segue il gustosissimo e rotondo tartufino di tartare al pane nero di seppia, il pinzimonio con sedano e peperoni e infine il mini hamburger di Parma, dalla consistenza dolce e sfiziosa. 
 
          american cavour
L'Americano Cavour è un omaggio a Dario Comini, maestro della miscelazione nel Nottingham Forest di Milano. Velluto di liquore al rabarbaro - amaro cappelletti - bitter -vermouth rosso. C'è un grande gioco di consistenze e sfumature, in grado di adagiarsi su tutti i palati. Impatto olfattivo stupefacente a cui segue un primo impatto schiumoso ma altrettanto lieve e pacato, dal glorioso equilibrio capace di creare un'amalgama efficace al vermouth, libero di agire nella sua essenza con compostezza. 
 
emporio mule new           doppio cocktail armani
 
L'Emporio Mule è a base di Russian Standard Gold Vodka, succo di lime fresco, liquore ai fior di sambuco e soda allo zenzero. Cocktail effervescente, stabile e rinfrescante con qualche picco solleticante. Merita un piccolo assaggio anche il Soft John, a base di Luis Gin, sciroppo artigianale alla camomilla, succo di lime, soda al pompelmo rosa : cocktail ideale per le stagioni calde, rinfrescante, vivo e delicato. Ad anticipare il cocktail, il cliente non può attendere a bocca asciutta e così viene servita una piacevolissima e divertente acqua profumata alla violetta.
 
risotto             triangolini
 
C'è tempo per una degustazione dalla cucina (ma di questo ce n'eravamo già occupati in precedenza e torneremo ad occuparcene in futuro). Il classico risotto Armani Milano con pistilli di zafferano e parmigiano 24 mesi, classico, saggio e strutturato. Seguono i triangolini verdi di vitello con zabaione di parmigiano reggiano e riduzione di balsamico : forma e compostezza senza alcuna sbavatura, approcci forti ricchi di sostanza e densità. Il menù poi reciterebbe tantissimo, legandosi al territorio e alle stagionalità, con ottime mantecature rispettando un'ideale di cucina salutista e italiana. 

Nel dehors, che con i suoi 25 coperti richiama la struttura sobria, minimale e lineare del locale - in pieno total black con più ricami celesti del solito (accantonando il caratteristico "rosso caliente" ai due abat-jour della sala ristorante), partirà ogni Giovedì l'aperitivo lounge. Il primo appuntamento è in sincronia (come sopracitato) con la settimana della Bologna Cocktail Week che seguiremo passo dopo passo. L'invito è servito.